© 2008-15 Massimo Pratelli
Rifugio Dolada 2.0
Aganis sas di Oliva Mauro e C. Sas - 32010 Pieve d'Alpago (BL) - PI 00294860259
IL CANSIGLIO
Il Cansiglio è un altopiano delle Prealpi Carniche si estende in un'area compresa tra la Regione Veneto ed il Friuli Venzia Giulia, per la precisione tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone. La quota media dell'altopiano si aggira intorno ai 900m slm ed è svrastato da tre principali rilievi: il monte Pizzoc (1.565 m), il monte Croseraz (1.694 m) ed il monte Millifret (1.577 m). All'altopiano del Cansiglio si accede principalmente da sud (Vittorio Veneto) attraverso la valle della Crosetta, mentre da nord dalla valle del Campon nella zona dell'Alpago (BL). La zona è caratterizzata da un clima temperato montano caratterizzato da abbondanti piogge.

Il bosco del Cansiglio è molto esteso (5920 ettari) e viene gestito con criteri di conservazione naturalistica. La pianta prevalente è il faggio, mentre nel sottobosco abbondano le felci, l'anemone di bosco, l'elledoro verde e l'acetosella. Scendendo di quota, il faggio si associa all'abete e scompare del tutto nelle vicinanze della piana ove il clima è freddo e umido; in queste zone l'uomo ha creato zone di monocoltura di abete rosso o bianco. Il taglio è controllato e viene attuata una politica di rinnovo per integrare le piante morte e per migliorare la biodiversità. Alcune zone vengono invece lasciate all'evoluzione naturale. L'estesa zona adibita a pascolo (circa 650 ettari), viene gestita con criteri biologici certificati da aziende stabili e da malghe ad attività stagionale e da luogo alla produzione di latte biologico che viene trasformato in formaggi biologici tipici della zona.

In tutta la zona dell'altopiano del Cansiglio è bandita la caccia ed è possibile avvistare diverse specie di animali come caprioli, cervi, daini. Sono presenti anche altre specie di mammiferi che è invece più raro tiuscire a vedere, come ad esempioLinci e Orsi bruni, martore, donnole e volpi, lepri scoiattoli, ghiri. Varie specie di uccelli, rapaci e no, popolano tutta l'area, oltre ad alcune specie di rettili.

La storia
Il Cansiglio era già abitato in tempi preistorici, tanto che sono stati fatti ristrovamenti di reperti risalenti al paleolitico.
Nel XV secolo l'espansione della repubblica veneta arrivò anche nel Cansiglio, tanto che i Veneziani istituirono un magistrato che regolava lo sfruttamento del bosco.
I Cimbri, famosi per la loro abilita nelle attività forestali, arrivarono in Italia da Tirolo e Baviera fondando diverse comunità. Nel Cansiglio arrivarono nel 1800, probabilmente provenienti dalla zona di Asiago. Sono rimaste alcune costruzioni originali del tempo nei villaggi di Le Rotte, Vallorch, I Pich, Canaie, Campon e Pian Osteria. L'attività principale dei Cimbri era volta alla produzioni di formaggi e soprattutto nello sfruttamento del faggio, con esso venivano costruiti setacci per la farina 'tamisi', forme per il formaggio e altri oggetti per uso domestico.

Turismo
Sono numerose le possibilità di seguire percorsi di trekking sia a piedi che a cavallo, anche se si consiglia di seguire gli itinerari segnalati per evitare le voragini carsiche. Tra le attività sportive si segnala il campo da golf estivo, la possibilità di praticare sci da fondo, sci alpino e mountain bike.
La zona offre anche la possibilità di visitare Il Museo Ecologico, Il Centro Regionale di Educazione Ambientale, Il Museo Etnografico e il Giardino Botanico Alpino.
Foresta Cansiglio